Anche Democrazia Liberale difende Pittelli: "grottesco rispedirlo in carcere"


Sul caso Pittelli, dopo gli interventi, sempre ripresi da noi di Spraynews, di Tiziana Maiolo, Vittorio Sgarbi, Piero Sansonetti, Fabrizio Cicchitto, Amedeo Laboccetta, ovvero di alcuni dei più grandi nomi del garantismo italiano, spesso legati al quotidiano Il Riformista, e che hanno fatto indignare l'ANM, prende parola anche Democrazia Liberale, il nuovo partito dell'ex Senatore e Avvocato Enzo Palumbo, che ne è Presidente, e di Marco Montecchi, Segretario Nazionale: "Non so cosa abbia fatto, o non fatto, Giancarlo Pittelli, e, francamente, in questa fase non m’interessa. Quel che trovo “grottesco”, e stavo per sbagliare vocale, è che possa essere rispedito in carcere solo per avere scritto a una parlamentare, esercitando un diritto che è di tutti!" scrive infatti oggi Palumbo in un suo tweet, parlando ufficialmente anche a nome di Montecchi, e mostrandosi come i nomi precedenti uno dei pochi veri garantisti per tutti, non solo per i propri amici, che abbiamo in Italia, un vero liberale, che mette sopra ogni cosa il rispetto dell'art.27 della Costituzione e dello Stato di Diritto e che combatte gli eccessi della magistratura politicizzata. Personalmente, essendo come noto io pure attivista garantista con il Partito Radicale, Nessuno tocchi Caino e la mia Folsom Prison Blues, non posso che applaudire Palumbo ed essere felice per la nascita di una nuova realtà politica di riferimento per chi la pensa come me su questi temi. E se stamattina avevo scritto il mio apprezzamento per la citazione manzoniana di Cicchitto, adesso altrettanto faccio per l'ironia di Palumbo, uomo arguto, che gioca con "grottesco" e "grattesco", in riferimento ad un noto magistrato con un nome simile... Di Umberto Baccolo.

26 visualizzazioni0 commenti