Arianna Pezzotti: "Mamma incensurata, per la Questura non posso lavorare perché sono di destra"


Arianna Pezzotti è una madre di famiglia, incensurata, che è stata protagonista di una gravissima ingiustizia. Nonostante il suo essere incensurata e non indagata, le è stato negato il tesserino da steward perché militante di un'organizzazione, perfettamente legale, della destra radicale, Area Rieti, e perché anni e anni fa ha frequentato alcuni mesi Forza Nuova. SprayNews si è schierata al suo fianco nella battaglia per poter riavere il suo lavoro, e la ha intervistata. Arianna, ci puoi dire chi sei e cosa ti è successo? Sono una mamma separata di 48 anni che ad agosto ha partecipato ad un corso da steward gratuito per la You Event Service SRLS, su suggerimento di un amico, perché ero in cerca di lavoro per mantenere la mia famiglia. Dopo averlo concluso, mi hanno contattato dalla Questura e pensavo che fosse per darmi l'attestato in forma ufficiale, invece quello che è successo mi ha lasciato allibita. Mi hanno dato questo documento, che vi giro per la pubblicazione, dove si dice che non potevo fare il lavoro per cui ero stata formata, esistendo alla cosa un pregiudizio ostativo, per via della legge Mancino, in quanto io sarei "militante nel partito neofascista e nazionalista di estrema destra Forza Nuova, successivamente confluita nell'associazione AREA della locale destra radicale, nonché vicina alle posizioni di CasaPound". Quindi non puoi lavorare per le tue idee di destra, mi pare di capire. Esatto, e lo trovo folle e antidemocratico. Ci tengo a spiegare però meglio la situazione. Io sono da sempre di destra, da ragazza ero vicina al MSI, ma sono incensurata, non sono mai stata indagata, non ho mai preso parte a iniziative o manifestazioni violente ed eversive. Il mio rapporto con Forza Nuova fu molto breve, ai tempi del terremoto di Amatrice mi avvicinai a loro perché portavano aiuti ai terremotati e mi pareva bello, così li aiutai in questo, ma non ho mai avuto la loro tessera, e finita la faccenda del terremoto, dopo pochi mesi, ruppi qualsiasi rapporto con loro, perché avevamo molte differenze ideologiche e vari dei loro non mi convincevano a livello personale. Sono al corrente dei recenti problemi legati a questo gruppo politico, ma ribadisco che da anni non ho rapporti e non condivido le loro azioni. Quando ho visto l'assalto alla CGIL ho pensato che sbagliassero perché a fare così passi dalla parte del torto anche quando hai ragione. Riguardo a CasaPound, non la ho mai frequentata: Rieti è piccola quindi conosco i militanti locali e sono stata credo ad un paio di loro eventi, ma come moltissimi altri. Milito invece da 5 anni in AREA, che è sì un'organizzazione ideologicamente di destra radicale, ma che oltre ad essere, come le due precedenti del resto, perfettamente legale, addirittura contrariamente dalle precedenti è un'associazione che non è mai stata inquisita, querelata, i cui membri e dirigenti sono medici, avvocati, persone perbene molto inserite a livello istituzionale e sociale, rispettose delle leggi e lontane da ogni tipo di violenza o eversione. Anche dal razzismo? Noi siamo contro l'immigrazione selvaggia perché pensiamo che sia un nuovo tipo di schiavitù che fa male per primi ai migranti, ma io sono la prima ad avere amici di ogni razza. Ci sono italiani persone pessime e stranieri ottimi, e viceversa. Anche alle mie figlie faccio frequentare tranquillamente amichette africane. Ma come pensi che sia nata questa situazione di cui sei vittima e perché? Non ne ho idea, ma so che mi sto muovendo già con i miei avvocati per fare ricorso, visto che ce ne sta la possibilità. Non è possibile che in democrazia ad una persona nemmeno mai indagata o coinvolta in fatti illegali non sia consentito di lavorare e mantenere i propri figli solo perché ha idee di destra, e milita in un'associazione legale della quale nessun membro mai è stato nemmeno inquisito, in virtù di una legge che non ha mai riguardato la mia associazione, e perché sono ritenuta collegata a partiti legali con cui in realtà non ho o ho avuto solo vaghissimi rapporti anni fa, e sempre per situazioni di aiuto sociale ai più deboli, ai terremotati, ai poveri. Sono completamente d'accordo, e noi di SprayNews ti sosterremo nella tua giusta battaglia. Di Umberto Baccolo.

2 visualizzazioni0 commenti