Da Gasparri a Craxi, da Sgarbi a Santanché continua la gara di solidarietà a Paola Ferrari


Ormai nel mondo politico è gara di solidarietà per l'amatissima conduttrice sportiva Paola Ferrari. Se la sua storica amica Daniela Santanché ha rilasciato un comunicato molto forte a suo favore, per SprayNews ho raccolto anche oggi, dopo quelli della scorsa settimana, diversi commenti appassionati, e lo stesso hanno fatto i nostri colleghi di RomaLife. Ma vediamoli uno ad uno!


Iniziamo con la nota della Santanché, senatrice di Fratelli d'Italia e capogruppo di quel partito in Commissione Vigilanza RAI che scrive:

"L’espulsione di Paola Ferrari dalla Rai è un atto inqualificabile. Una professionista che per anni ha dato lustro allo sport italiano con la sua competenza e professionalità. A lei va tutta la solidarietà mia e di Fratelli d’Italia”.


Passiamo quindi ai commenti inediti che ho raccolto oggi in esclusiva per SprayNews, iniziando da quello di Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia pure lui in Commissione Vigilanza:

"Conosco e stimo Paola Ferrari, ne conosco la professionalità e mi dispiace molto della decisione, che apprendo ora dalla stampa, di non farle più condurre il 90° Minuto e i post partita. Mi auguro che la RAI che ha tanti spazi e tante opportunità non si privi della sua competenza, della sua notorietà e delle sue capacità".


Gli fa eco l'onorevole Vittorio Sgarbi, che di recente ha fondato il nuovo partito Rinascimento Io Apro:

"Paola Ferrari è una donna che conosco bene, intelligente, capace, ha fatto televisione sportiva con grande convinzione, non capisco bene le ragioni di estrometterla e trovo opportuno chiedersi il perché e manifestarle solidarietà. Dire che la cosa sia iniqua, benché non conosca bene la vicenda, mi pare legittimo. Le sue qualità sono note e quindi forse è bene che la RAI si ricreda e ritorni a far parlare questa voce amata, questo volto così apprezzato".


Dice la sua anche l'ex deputato socialista Bobo Craxi:

"Paola Ferrari è giornalista professionista che ho sempre apprezzato sin dai tempi della sua carriera lombarda. É un volto conosciuto da tutti gli sportivi italiani, non merita un trattamento simile dall’azienda in cui ha lavorato con competenza per tanti anni."


Pure l'ex Ministro delle Telecomunicazioni Mario Landolfi dice la sua:

“Voglio dare la mia solidarietà a Paola Ferrari, conduttrice sportiva bravissima che ho sempre apprezzato molto. Le auguro di tornare prestissimo al lavoro".


Si esprime anche il segretario dell'UDC Lorenzo Cesa:

“Paola Ferrari è una professionista di grande bravura, amatissima dagli italiani che sono comprensibilmente delusi dalla cancellazione del suo programma. Anche perché sono convinti, ed io con loro, che oltre che eccellente nel suo lavoro la Ferrari portasse fortuna. Mi auguro che la Rai torni sui suoi passi, e auguro a lei tutto il meglio lavorativo possibile, perché lo merita. La Rai ha eccellenze interne, il management dovrebbe imparare a valorizzarle".


Per finire Italico Perlini, ex deputato di Forza Italia, dichiara:

"Apprendo con stupore dalla stampa che Paola Ferrari non farebbe più’ parte delle cronache sportive della Rai.

Non posso che manifestare il mio dispiacere per l’abitudine ormai consolidata di seguire gli avvenimenti sportivi in compagnia non di una semplice conduttrice ma di una persona intelligente, pronta, molto affascinante che affrontava e descriveva gli avvenimenti sportivi con una classe non comune. Esprimo pertanto, per quanto possa valere, il mio rincrescimento per la incredibile decisione della Rai e la mia solidarietà ed ammirazione per la giornalista e donna Paola Ferrari”.


Con RomaLife, invece, si fa sentire l'ex Ministro della Salute Francesco Storace, che riferendosi soprattutto a certi commenti sessisti su di lei dichiara telegrafico quanto efficace:

“È una grande professionista e va rispettata”.


A concludere, sempre a RomaLife arriva una dichiarazione di Edoardo Sylos Labini, celebre attore teatrale e direttore del mensile CulturaIdentità, allegato de Il Giornale:

“Se il politicamente corretto sbarca anche nel mondo del calcio i risultati sono quelli dell’Italietta, sia in campo che fuori campo. Lo abbiamo visto con la Macedonia del Nord e lo vediamo in quei programmi che fanno perdere l’identità in uno sport che ci ha reso famosi in tutto il mondo”.


Che dire, il mondo politico e quello culturale sembrano decisamente schierati a favore della bravissima Paola Ferrari!


Di Umberto Baccolo.

4 visualizzazioni0 commenti