Democrazia Liberale: Meloni sui liberali sbaglia, smetta di evocarli


“E proprio surreale che Meloni, nel tentativo di giustificare il suo inseguimento di qualche voto no-vax, evochi a suo sostegno i liberali difensori della Costituzione.


Da ciò che ha detto sembra essere convinta che i liberali siano degli individualisti egoisti ed egocentrici, per i quali il mondo si esaurisce in loro stessi e nelle loro personali convinzioni, quando invece i liberali, mentre difendono le libertà individuali, sanno bene che ognuna di queste libertà incontra il limite delle libertà altrui, tra cui quella di non ammalarsi per colpa di qualche presuntuoso no-vax e di potersi curare in ospedale e, occorrendo, in terapia intensiva quando ne avessero malauguratamente bisogno per altre gravi malattie, senza rischiare di non poterlo fare perché i reparti sono in gran parte occupati da no-vax, come purtroppo sta accadendo un po’ dappertutto.


E ciò in puntuale osservanza di quanto prescrive l’art. 32 Cost., per il quale la ”La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”, e fermo restando che i trattamenti sanitari obbligatori possono essere introdotti solo con una legge formale, che i liberali da tempo invocano come unico strumento con cui è oggi possibile limitare i danni dell’epidemia in corso.


Anche per questo destano perplessità le ultime disposizioni governative, che impongono obblighi parziali e occasionali, nel tentativo di confezionarle su misura di innumerevoli situazioni, in un guazzabuglio di norme tra le quali il cittadino finirà per smarrirsi senza riuscire ad acquisire consapevolezza dei suoi diritti e doveri.”



lo dichiarano oggi 09.01.2022 a Roma in una nota congiunta il Presidente ed il Segretario Nazionale del Partito Democrazia Liberale, Enzo Palumbo e Marco Montecchi.

26 visualizzazioni0 commenti