ELEZIONI USA: LIBRANDI, REPUBBLICANI E TRUMP NON SFONDANO, MA ELETTORI CHIEDONO FINE GUERRA UCRAINA


È ancora presto per commentare i risultati definitivi delle elezioni di midterm americane, ma politicamente sono già forti e chiare alcune indicazioni dei cittadini americani: l’America divisa sostanzialmente a metà tra democratici e repubblicani chiede alla sua politica di concentrarsi sulla ripresa dell’economia e sul contrasto dell’inflazione e dell’emergenza energetica. In poche parole, gli americani chiedono al proprio governo di lavorare perché la guerra russo-ucraina termini prima possibile e con essa le instabilità globali che ha provocato.

Personalmente sono sollevato del fatto che queste elezioni parlamentari non abbiano consegnato ai Repubblicani e all’ex presidente Trump un trampolino di lancio per le prossime presidenziali del 2024, ma sono altrettanto sollevato che gli americani non abbiano garantito più a Biden un sostegno incondizionato. Nei prossimi mesi, tanto in America quanto in Europa, ci vorrà maggiore equilibrio, dialogo tra parti politiche e moderazione. Con un congresso diviso tra Democratici e Repubblicani, Biden potrà usare gli ordini esecutivi per le proprie scelte di governo, ma dovrà cercare il dialogo costante con l’opposizione per le grandi scelte. Tutto questo si traduce, a livello internazionale, nella necessità di maggiore diplomazia e meno ricorso ai “muscoli”. La cessazione della guerra in Ucraina entro il 2022 è secondo me un imperativo per gli Stati Uniti e per noi europei.

2 visualizzazioni0 commenti