Ex deputati AN: "Ignobile sciacallaggio contro Pino Rauti"

“Da Draghi avallo a clima da ‘caccia alle streghe"



ROMA - “Da giorni assistiamo a un ignobile sciacallaggio intorno alla figura di Pino Rauti e ad un ancor più inqualificabile strumentalizzazione delle sue vicende giudiziarie - stragi di Milano e di Brescia - dalle quali, lo ricordiamo agli immemori, egli è uscito completamente immacolato. Ma più della verità potè evidentemente la propaganda. Tanto da indurre il premier Draghi a sollevare di fatto dalla proprio ruolo il dott. Andrea De Pasquale, nominato nel frattempo dal ministro Franceschini direttore centrale dell’Archivio di Stato - “reo” di non aver sbianchettato la qualifica di “statista” contenuta nel comunicato stampa diffuso dalla famiglia Rauti, al momento della costituzione del fondo archivistico del leader missino presso la Biblioteca Nazionale. Un avallo - questo del presidente del Consiglio - a quel clima da “caccia alle streghe” che come insegna la storia antica e recente serve a confondere e non a chiarire. L’Italia tutta, oltre ai familiari delle vittime, ha il diritto di conoscere ogni dettaglio delle terribili stragi di quegli anni. Quello che davvero non serve è un maccartismo rovesciato. Tanto più che la sollevazione di De Pasquale dalla presidenza del Comitato per la desecretazione rischia di farlo apparire come il tappo che ha finora impedito la doverosa ricerca della verità. Siamo perciò certi che il ministro Franceschini saprà trovare il tempo e il modo per difendere il proprio operato”. Lo hanno dichiarato gli ex-parlamentari Mario Landolfi, Gennaro Malgieri, Silvano Moffa, Pasquale Viespoli.

2 visualizzazioni0 commenti