FAST & FURIOUS a Seregno: spacciatori in BMW inseguiti dai carabinieri si schiantano contro un muro


Nel pomeriggio di qualche giorno fa, una gazzella del Radiomobile dei carabinieri della Compagnia di Seregno, durante un servizio atto a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nel pattugliare il noto quartiere popolare “Crocione”, percorrendo Via Bottego, ha notato un veicolo con due persone a bordo che ha destato loro interesse operativo in quanto nei precedenti giorni, lo stesso modello e colore, ovvero una BMW di colore grigio, era stato protagonista di più inseguimenti da parte di altri equipaggi della limitrofa Compagnia Carabinieri di Desio.

I militari hanno quindi deciso di procedere al controllo del veicolo e, per far fermare il veicolo, hanno attivato i segnali luminosi in dotazione. Ma il conducente della BMW, anziché rallentare, ha aumentato la velocità di marcia. Ne è scaturito un inseguimento che, partendo da via Bottego, è proseguito lungo via Solferino dove il veicolo ha terminato la sua corsa tra le case popolari, impattando contro un muro e un marciapiede.

Scesi dal mezzo, i due individui hanno intrapreso la fuga a piedi e, mentre il conducente faceva perdere le proprie tracce tra i “palazzoni” popolari, il passeggero, dopo esser stato inseguito per circa m 300, è stato bloccato in Via Meda.

Lì l’uomo, un 37enne di origine marocchina, ha tentato in ogni modo di scappare e ha intrapreso una violenta colluttazione con uno dei militari spingendolo con forza contro il muro e sferrandogli un calcio. Sopraggiunto il secondo militare, l’uomo finalmente è stato bloccato e messo in sicurezza. Nonostante fosse ammanettato, l’uomo ha tentato ancora di fuggire con continue spinte e calci e proprio in questa fase è riuscito a gettare qualcosa verso il giardino di una casa privata.

Sul posto poi sono sopraggiunti altri due equipaggi in supporto che hanno permesso di completare le operazioni di arresto e di recuperare quanto gettato nel giardino dell’abitazione, rivelatesi 4 dosi di cocaina.

La perquisizione personale ha poi permesso di rinvenire ulteriori 4 dosi dello stesso stupefacente e oltre € 150 in contanti.

L’uomo è stato è tratto in stato di arresto per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo stesso è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma di Seregno fino all’indomani quando, al termine dell’udienza di convalida e del processo per direttissima, è stato trasferito presso la casa circondariale di Monza.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti