Green Pass, Freccero risponde a Gramellini: “Complottista sarà lei”



Per chiarire ogni equivoco e per non danneggiare il referendum mi vedo costretto a rispondere all'articolo sul Corriere della Sera firmato dall'amico Gramellini che sembra purtroppo vittima di fantasie complottistiche e, che, per un meccanismo di proiezione psicoanalitica, le attribuisce a me. Tutto quello che Gramellini riporta sulla teoria del complotto, non l'ho scritto io, ma per ammissione di Gramellini stesso, è frutto delle sue informazioni (?). Informazioni di cui non cita la fonte ed alquanto imprecise, se fanno risalire il nome “Grande Reset” al principe Carlo di Inghilterra che ne è un grande sostenitore, in quanto ecologista, ma che non ha il copyright del Progetto. Per il resto non c'è nessun complotto e nessun bisogno di “prova inconfutabile” dato che il “Grande Reset” è il progetto ufficiale del WEF ed è descritto minuziosamente dal suo stesso autore in 2 libri: “La quarta rivoluzione”, con prefazione di John Elkann e “Covid 19 The Great Reset” uscito agli albori della pandemia. Questo autore non è un complottista qualunque, ma una personalità di spicco mondiale come Klaus SCHWAB, fondatore e presidente esecutivo di quel WORLD ECONOMIC FORUM che raccoglie ogni anno le persone più importanti del mondo nel forum di DAVOS. Quest'anno, a causa della pandemia i colloqui non hanno avuto luogo in presenza a Davos, ma online. Io sono scritto al sito WEF per cui ho seguito il FORUM in diretta, come secondo me dovrebbe fare per dovere di cronaca, la stampa incaricata di seguire la politica internazionale. Ma nessun giornale né televisione ne ha parlato, tanto che l'evento si è trasformato, per chi non l'ha visto e per Gramellini, in teoria del complotto. A riprova del fatto che non si tratta dell'eccentricità di pochi miliardari, sono intervenuti al dibattito i capi di Stato dei principali paesi del mondo, escluso BIDEN. Tutti hanno manifestato entusiasmo per il progetto e reverenza verso Schwab, con l'eccezione di Putin e, in forma minore Xi Jinping. Tra i più convinti sostenitori cito personaggi da cui dipende l'equilibrio europeo e quindi anche nostro, da Ursula von der Leyen a Macron. Nel mio intervento su il Fatto e la Stampa io non esprimo giudizi sui contenuti, ma faccio presente che le soluzioni utopistiche del WEF, creative sino a rasentare la fantascienza ed ispirate al transumanesino più spinto, richiederebbero, prima di essere applicate ai popoli, il consenso informato ed il loro assenso. In Democrazia e sino a prova contraria, le decisioni spetterebbero al popolo, soprattutto se riguardano l'integrità fisica dei cittadini. Finisco con una breve annotazione sulla miseria dell'informazione, che pratica ormai solo l'infotainment e si richiude nel cortile di casa a riportare i battibecchi tra politici. Gramellini va in parte assolto perché non è compito suo, ma i commentatori politici dovrebbero fare lo sforzo di allargare i loro orizzonti, visto che ripetono ogni giorno che siamo nella globalizzazione. La stampa straniera ci dà lezioni. Il 02 novembre 2020 il TIMES pubblicava la sua storica copertina del Great Reset con un'immagine del globo terrestre circondato dai ponteggi di un cantieri in cui gli operai ricostruiscono il mondo. I miei più cordiali saluti al giornale e a Gramellini. Carlo Freccero


12 visualizzazioni0 commenti