Laboccetta: «Carfagna, da astro di Berlusconi a stellina senza luce»

«Gli ultimi passi di danza di Mara Carfagna certamente fanno rumore nei palazzi romani e nei media ma non credo proprio che andranno ad incidere sui territori. A cominciare dalla Campania. Non posso certo dimenticare il bombardamento di telefonate del Cavalier Berlusconi a tantissimi di noi affinché la sua favorita potesse nel 2016 entrare con un cospicuo bottino di voti nel consiglio comunale di Napoli. Nell'occasione in tanti le donammo nella Capitale del Sud - per contrastare il demagogo ed istrione de Magistris - il nostro sostegno. Tutto quel mondo partenopeo non la seguirà nella sua nuova avventura con Calenda & compagni. Nei quasi 5 anni di permanenza nell’assemblea cittadina di Napoli, Mara Carfagna non ha certo lasciato il segno del suo passaggio. Calenda probabilmente potrà assicurarle uno strapuntino per rimanere a Montecitorio ma la bella salernitana, a mio parere, è salita sulla nave dove tutti vogliono fare gli “ammiragli” ma vi sono pochissimi “marinai”. Ed i presunti “ammiragli” andranno presto in rotta di collisione. Io almeno la penso così. E a proposito del partito che l’ha imbarcata (e che domani deciderà sulle strabiche alleanze) Carfagna ha già fatto sentire il primo pensiero, addirittura di politica estera: “Non trameremo con la Russia”. Alleva così la bufala dell’ingerenza di Putin sui ministri del governo Draghi. Una nota... degna di nota». Lo dichiara in una nota Amedeo Laboccetta, ex deputato di Napoli, presidente di Polo Sud.




  • Politica

0 commenti Post non contrassegnato con Mi piace

10 visualizzazioni0 commenti