MUGNAI - D'ETTORE e VIETINA (CORAGGIO ITALIA):

SORPRESI DALLA RISPOSTA DEL GOVERNO IN VIII COMMISSIONE AL QUESTION TIME. SU EX TIBERINA 3BIS SI SEGUA NOSTRO ODG APPROVATO DALL'ESECUTIVO A DICEMBRE 2021.





"Venuti a conoscenza della risposta, in VIII commissione della Camera dei deputati, da parte del Governo alla interrogazione presentata dall'on. Vietina su quali iniziative e in che tempi si intendesse procedere per provvedere al rifacimento della ex Tiberina 3Bis, siamo rimasti sorpresi".


"Avevamo come Coraggio Italia già lo scorso 30 dicembre 2021 presentato anche un apposito ordine del giorno che impegnava e sollecitava il Governo a valutare l'opportunità di prevedere, anche in successivi provvedimenti, risorse finalizzate al ripristino della viabilità della ex Tiberina 3bis, almeno dal centro abitato di Pieve S. Stefano al confine di Regione fra Toscana e Emilia Romagna e comunque prevedendo il rifacimento ed ammodernamento per l'intero sviluppo viario in entrambe le regioni. Ciò per garantire ulteriormente la sicurezza della circolazione e il collegamento tra i Comuni. Obiettivo della nostra azione era ed è la valorizzazione turistico-ambientale del territorio, nonché la finalità di agevolare lo sviluppo economico imprenditoriale dei territori percorsi dal reticolo viario alernativo della ex Tiberina 3bis, da distinguersi dal solo tracciato della E45. Insomma, un impegno concreto per preservare le attività economiche e sociali attualmente esistenti sul territorio. "


"Il question time in commissione Trasporti della Camera con il Sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, non ha portato per ora ulteriori novità. Proseguiremo fiduciosi il nostro proficuo e già avviato colloquio diretto con il Ministro e la Segreteria tecnica del Ministero, sicuri che troveremo la giusta soluzione per migliorare la viabilità locale nel rispetto delle esigenze degli utenti e dei comuni interessati. Siamo certi inoltre che potrebbe essere utile prevedere anche la realizzazione a breve di un Tavolo permanente di confronto fra tutti gli interessati: Ministero, Anas, Regioni e Comuni per procedere così in modo coordinato e con rapidità alla più urgente attuazione dei progetti che sono da ritenersi di immediata fattibilità".

2 visualizzazioni0 commenti