Sara Manfuso e Virginia Saba: l’amicizia che non ti aspetti




Nella cornice di “Santa Maria Maggiore” a Cervaro, ai piedi dell’altare, la vicinanza di due donne che non ci si aspetterebbe di trovare il sabato pomeriggio in provincia: Sara Manfuso e Virginia Saba.


La ragione?


La presentazione del libro della Saba il cui titolo giustifica la scelta del luogo di culto “Il suono della bellezza, note di vita e filosofia” edito da IF Press.


Con il presente testo Virginia Saba ha voluto ricostruire il proprio viaggio nel tempo e nello spazio attraverso i periodi storici e i luoghi, gli uomini e le donne noti e meno noti, gli accadimenti, gli aneddoti, i dolori e le gioie per dedicarlo a tutti coloro che non riescono a cogliere le sfumature e la bellezza che la vita ci offre.


La particolarità di questo percorso risiede nel fatto che l'autrice compie tale itinerario con l'aiuto delle 32 Variazioni Goldberg di Bach, ciascuna delle quali - nota dopo nota - offre uno spunto per afferrare alcuni dei segreti più profondi della nostra esistenza. L’organizzatore dell'iniziativa è stato Pietro Pacitti che ha sottolineato l’essenzialità della politica e del civismo come “servizio al cittadino” anche rispetto alla diffusione di eventi di carattere culturale, come appunto la presentazione in questione.


Tra gli interventi quello del giornalista Stefano Di Scanno. L’Ensemble “La Vivaldiana” ha aperto il pomeriggio, lasciando il dialogo poi alle due donne. La Manfuso moglie del piddino Andrea Romano e la Saba compagna di Luigi Di Maio, distruggendo efficacemente il profilo della “compagna di…”.


Virginia in maniera chiara dice “occorre che ognuno di noi scovi in sé la scintilla, la passione autentica, qualcosa che non lo uniformi alla banalità del pensiero dominante ma ne restituisca l’unicità”, Sara a quel punto la incalza chiedendole “quale ruolo svolge oggi la scuola e cosa fare per le future generazioni?”, la conversazione prende una piega inaspettata quando la Saba racconta come una sua recente esperienza divulgativa presso una scuola l’abbia messa a contatto con una docente che abbia pubblicamente detto “i miei ragazzi non hanno un bel niente di speciale”.


Ecco, questo è proprio ciò che va combattuto e le due donne, dichiarandosi stima reciproca, pare abbiano assunto anche questo impegno.


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SBAGLI